Il museo delle anime del purgatorio

La chiesa del Sacro Cuore del Suffragio a Roma pur risalente al XX secolo è l’unico esempio di chiesa gotica a Roma. La chiesa spicca per il suo candore sul Lungotevere a pochi passi dal Palazzaccio ed è unica nel suo genere. Venne costruita per volontà del missionario marsigliese Don Victor Jouet nel 1890 su un terreno di sua proprietà. Pochi anni dopo la sua costruzione la chiesa venne devastata da un incendio. Don Victor Jouet notò che dietro l’altare le fiamme avevano lasciato una traccia che raffigurava il volto triste di un uomo. In questa insolita figura il sacerdote intravide un segno, il messaggio di un defunto condannato al Purgatorio che cercava di mettersi in contatto con il mondo dei vivi. L’avvenimento colpì il sacerdote a tal punto da spingerlo a girare tutta l’ Europa alla ricerca di testimonianze analoghe. Nacque così all’interno della Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio a Prati, il Museo delle Anime del Purgatorio tutt’ora aperto ai visitatori. Il piccolo museo custodisce testimonianze insolite provenienti da diversi luoghi che Don Victor Jouet ha raccolto nel corso dei suoi viaggi.

La collezione raccoglie oggetti o foto che conterrebbero un messaggio da parte delle anime di persone defunte. Secondo il fondatore della chiesa, le anime che transito nel Purgatorio chiedono messe e preghiere in suffragio per aiutare la propria anima a raggiungere il Paradiso. La collezione, ridimensionata dopo la morte del suo fondatore raccoglie ora pochi cimeli fra i più significativi.

courtesy pic:purgatorio.altervista.org.

Nella foto è rappresentata il grembiule di una religiosa del monastero di Winnemburg ( che attualmente custodisce l’originale) sul quale è rimasta impressa un’impronta della mano della defunta Suor Chiara Schoelers morta di peste nel 1637. Questo è il reperto più antico rinvenuto da Don Victor Jouet.

courtesy pic: purgatorio.altervista.org


Quest’altra foto rappresenta l’impronta lasciata sulla manica della camicia di suo figlio Giuseppe da parte della defunta signora Leleux. Il figlio narra che la madre gli apparve il 21 giugno 1789 per richiedere messe e preghiere per la sua anima e per indurlo a vivere in maniera più virtuosa. Dopo questo evento il sig Giuseppe condusse una vita ritirata e irreprensibile.

Oltre queste ci sono altre testimonianze di presunti messaggi provenienti dall’aldilà di anime in cerca di pace, per chi crede o per chi è scettico, la chiesa nella sua austera bellezza merita una visita, così come questo piccolo museo che rende questo luogo poco conosciuto molto suggestivo.

chiesa del sacro cuore del suffragio lungotevere prati 12

orari feriali 7,15-11’30 / 16,00-19,00

orari festivi 8,15-12,00/17,00-20,00

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...